Product was successfully added to your shopping cart.

I Diesel bi-turbo

Argomenti tecnici

Oltre 102cv/litro per il motore 2000cc BMW con doppio turbocompressore! Su questo motore la BMW ha introdotto la stessa tecnologia VTT (Variable Twin Turbo) già debuttata sui modelli 335d e 535d nelle declinazioni di potenza 272cv e 286cv. Il motore di base è il noto 2 litri (1995cc) con 4 valvole per cilindro ed il nuovo sistema di iniezione common rail che impiega una pompa ad alta pressione a 2000bar e 4 iniettori a comando piezoelettrico. La potenza raggiunta è di 204cv a 4400giri/min. mentre il valore di coppia massima si attesta sul valore di 400Nm a 2000giri/min.. Il rapporto di compressione è di 16:1.
Il sistema di distribuzione è realizzato con due alberi a camme in testa che azionano 16 valvole allineate. Nel basamento, realizzato in alluminio, sono presenti due alberi controrotanti di equilibratura. Il sistema di ricircolo dei gas di scarico EGR utilizza uno scambiatore di calore acqua-gas per il raffreddamento dei gas combusti prima della immissione in camera di combustione.
Il sistema di sovralimentazione impiega come per il modello 3000, due turbocompressori, uno di piccole dimensioni ed uno di grandi dimensioni. Questi turbocompressori sono in grado di lavorare in maniera sequenziale, ovvero può lavorare principalmente il turbocompressore piccolo, quello grande oppure intervenire serie, tutto in base al carico e al regime di rotazione del motore. 3 valvole pneumatiche controllate dalla centralina motore, gestiscono il flusso dei gas di scarico direzionato a una o all’altra turbina (o in serie) e gestiscono il flusso dell’aria compressa dai due compressori centrifughi presenti nei turbocompressori. All’uscita dei gas di scarico, ovvero sulla bocca di uscita del turbocompressore di grandi dimensioni, è montato il filtro anti particolato (FAP) con relativi sensori differenziali di pressione e sensore di temperatura.
Questo motore, grazie al particolare sistema di sovralimentazione VTT ha un ritardo di risposta dei turbocompressori ridottissimo, proprio per via dell’impiego di un piccolo turbocompressore con un ridotto momento di inerzia, la pressione può salire in maniera repentina già a regimi di poco superiori a quello di minimo. Il turbocompressore di grandi dimensioni assicura invece ampie portate di aria agli alti regimi con una contropressione allo scarico ottimale, da qui la elevata potenza specifica. Il valore di sovralimentazione si attesta sui 2 bar. Il debutto di questo motore è avvenuto sulla piccola 123d che è in grado di raggiungere i 100km/h in appena 6,9 secondi con un picco di velocità massima pari a 237Km/h, tutto con un consumo medio dichiarato di 5,2 litri per percorrere 100km.

MOTORE FIAT BITURBO 1.9Mjet 190cv
Derivato dall’attuale 1.9 JTD 16v, fornisce 190 cavalli a 4000 giri/min e 400 Nm a 2.000 giri/min. con 300 Nm disponibili già a partire da 1.250 giri. Questi risultati sono ottenuti grazie alla tecnologia del doppio turbocompressore, un turbo piccolo funziona ai bassi regimi per ottimizzare la coppia e la risposta dei veicolo alle basse velocità, per potenze più elevate entra in funzione il turbocompressore di dimensioni maggiori che bypassa completamente il primo. Il consumo di carburante è relativamente contenuto. Il motore è progettato per rientrate nei futuri standard di omologazione Euro 5.  L’impianto di iniezione è un moderno common rail ad alta pressione. La distribuzione si avvale di 4 valvole per cilindro e di doppio albero a camme in testa.

Argomenti tecnici